Get Adobe Flash player

Museo Archeologico Paolo Orsi

MuseoPaoloOrsi1Nel 1780 il vescovo Alagona inaugurò il Museo del Seminario divenuto, nel1808, Museo Civico presso l'Arcivescovado. Un decreto regio del 17 giugno 1878 ne sancì la nascita come Museo Archeologico Nazionale di Siracusa, inaugurato nel 1886 in piazza del Duomo. Dal 1895 al 1934 Paolo Orsi diresse il Museo di Siracusa, ma la crescita della raccolta condusse alla progettazione di un nuovo spazio, nel giardino di villa Landolina. L'architetto F. Minissi ha disegnato il nuovo museo, inaugurato nel gennaio 1988, su due piani espositivi (9.000 mq.), di cui momentaneamente solo uno è visibile al pubblico, ed un seminterrato (3.000 mq.), dove è situato un auditorium in cui si proietta tutti i giorni alle ore 10.30 ed alle ore 12.00 un documentario che introduce alla visita del Museo.

Il materiale esposto, al momento, comprende reperti risalenti dalla preistoria fino al periodo greco, i restanti ritrovamenti saranno esposti al piano superiore. Il piano terreno è diviso in 3 settori (A-B-C), mentre il corpo centrale (Area 1) è dedicato alla storia del Museo e vi sono presentati brevemente i materiali esposti nei singoli settori. Il settore A, dedicato alla preistoria (Paleolitico superiore-Età del ferro), è preceduto da una sezione (Area 2) in cui vengono mostrate le caratteristiche geologiche del Mediterraneo ed i particolari della zona Iblea. Alla fine della sezione geologica possiamo ammirare i plastici di due elefanti nani ritrovati nella grotta di Spinagallo a Siracusa. Alla base di ogni vetrina del settore (Area 3 e 4) noteremo delle strisce colorate che indicano il periodo di appartenenza degli oggetti esposti: verde scuro (Paleolitico), viola (Neolitico), rosso (Rame), arancio (Bronzo Antico), azzurro (Bronzo Tardo), giallo (Bronzo Finale), bianco (Ferro).

MuseoPaoloOrsi2Giunti al settore B, dedicato alle colonie greche della Sicilia del periodo ionico e dorico, possiamo osservare dei pannelli illustrativi. Il primo ci mostra la localizzazione delle colonie greche in Sicilia e le rispettive città di provenienza (rosso=colonie calcidesi, verde=colonie corinzie, giallo=colonie megaresi, blu-giallo=colonie rodio-cretesi, blu-bianco=colonie rodio-acnide). Il secondo ci mostra una foto della Sicilia ripresa dal satellite dove è possibile individuare lungo la costa orientale dell'isola le fondazioni elleniche e le loro sub-colonie, mentre nella parte occidentale si notano gli insediamenti Cartaginesi. Di rilievo si nota una statua marmorea di Kouros acefala proveniente da Leontinoi (Lentini) datata agli inizi del V° secolo a.c. (Area 5), resti della colonia dorica di Megara Hyblaea, resti della colonia dorica di Siracusa: statuette votive di Demetra e Kore e una Gorgone, proveniente dal tempio di Atena (V° secolo a.c.). All'ingresso dell'Area 7 è provvisoriamente esposta la Venere Anadiomene (colei che esce dalle acque). Il materiale esposto nel settore C proviene dalle sub-colonie di Siracusa: Akrai (664 a.c.), Kasmenai (644 a.c.), Camarina (598 a.c.), reperti di Eloro (presso Noto) (Area 8) ed ospita inoltre reperti provenienti da altri centri della Sicilia orientale (Area 9) e da Gela ed Agrigento (Area 10).

Gli orari di visita sono i seguenti:

Tutti i giorni compresa la domenica dalle ore 9.00 alle ore 13.00; il pomeriggio del mercoledì e venerdì dalle ore 15.30 alle ore 18.30. Lunedì chiuso.

Richiesta informazioni

I tuoi dati verranno utilizzati soltanto per le invio di informazioni richieste, nel rispetto della privacy